Diisocianati: dal 24 agosto 2023 uso industriale o professionale solo con formazione adeguata

corso di formazione DIISOCIANATI

Dal 24 agosto 2023 limitazioni sull’impiego per uso industriale e professionale delle sostanze e miscele a base di diisocianati (con concentrazione singola o combinata ≥ 0,1 % in peso).

L’utilizzo sarà consentito esclusivamente ai lavoratori (autonomi compresi) in possesso di una formazione adeguata, da rinnovare poi con cadenza almeno quinquennale.

Con la pubblicazione del Regolamento UE 2020/1149, che modifica l’Allegato XVII del REACh, è stata aggiunta tra le restrizioni la nr. 74 sull’uso e l’immissione sul mercato dei “diisocianati” sia aromatici che alifatici (contenuti ad esempio in molti adesivi e sigillanti).

Queste sostanze, in quanto tali o come componenti di miscele, non potranno più essere:

  • immesse sul mercato dopo il 24 febbraio 2022, a meno che la loro concentrazione (singola o in combinazione) sia inferiore allo 0,1 % in peso, o il fornitore possa garantire che il destinatario delle sostanze o delle miscele sia a conoscenza delle prescrizioni normative in merito alla formazione degli addetti sull’uso sicuro dei diisocianati. A tale scopo il fornitore dovrà riportare sull’imballaggio la seguente dicitura: «A partire dal 24 agosto 2023 l’uso industriale o professionale è consentito solo dopo aver ricevuto una formazione adeguata»;
  • utilizzate dopo il 24 agosto 2023, a meno che la loro concentrazione (singola o in combinazione) sia inferiore allo 0,1 % in peso, o il datore di lavoro possa garantire che gli utilizzatori industriali o professionali abbiano completato con esito positivo una formazione sull’uso sicuro dei diisocianati prima del loro impiego.

Cosa sono i diisocianati

I diisocianati sono un gruppo molto ampio di composti chimici caratterizzati dalla presenza di due unità di cianati ed un’unità di idrocarburi alifatici o aromatici; essi sono classificati in modo armonizzato come sensibilizzanti delle vie respiratorie di categoria 1 e come sensibilizzanti della pelle di categoria 1.

La sensibilizzazione respiratoria da diisocianati è ritenuta particolarmente grave, irreversibile e invalidante; essa si sviluppa con modalità imprevedibili – vale a dire senza una precisa latenza o correlazione tra intensità dell’esposizione e comparsa degli effetti – ed anche il contatto cutaneo può contribuire. I diisocianati organici maggiormente in uso non sono molecole particolarmente volatili, ma lo diventano in processi di nebulizzazione e schiumatura o in applicazioni a caldo, originando assorbimento per via inalatoria e attraverso la cute esposta.

I prodotti che possono contenere diisocianati sono moltissimi: in particolare tutti i composti poliuretanici potenzialmente si trovano in resine bicomponenti, adesivi, sigillanti, rivestimenti, schiume, vernici e pitture.

L’ambito applicativo di queste formulazioni può spaziare dalle CARROZZERIE (vernici e adesivi a base poliuretanica), a molte lavorazioni dell’EDILIZIA (sigillanti, isolanti, adesivi, vernici a base poliuretanica), alla PRODUZIONE DI MOBILI (in particolare di imbottiti, attraverso le schiume poliuretaniche) o di componentistica per l’AUTOMOTIVE.

Capire la concentrazione di diisocianati: come leggere le schede di sicurezza

Essendo presenti in numerosi prodotti utilizzati nell’edilizia, nell’industria, nell’artigianato, scovare la presenza di diisocianati è assolutamente necessario: saper leggere le schede di sicurezza quindi diventa ancora più importante.

Al punto 3 della scheda di sicurezza ci sono le informazioni di cui abbiamo bisogno. Qui sotto è riportato un dettaglio della scheda di sicurezza del toluene dove, evidenziate, troviamo le informazioni necessarie.

Chi deve fare la formazione

Il corso è rivolto a tutti coloro che maneggiano prodotti che contengono diisocianati:

  • utilizzatori autonomi e dipendenti, posatori;
  • titolari di aziende con dipendenti che maneggiano materiali poliuretanici/poliureici.

La formazione è tra l’altro utile anche per tutti i produttori, rivenditori e distributori di prodotti di sigillanti, schiume, adesivi, vernici, rivestimenti contenenti diisocianati 

Cosa prevede il corso di formazione

Il programma prevede un modulo di formazione base ed eventuali moduli intermedio ed avanzato per alcuni specifici utilizzi.

La formazione BASE è propedeutica e obbligatoria per procedere al conseguimento di uno dei due livelli successivi, se necessari.

La formazione INTERMEDIA è prevista per i seguenti utilizzi:

  • manipolazione di miscele all’aperto a temperatura ambiente (compresi tunnel per la produzione di schiuma);
  • applicazione a spruzzo in cabina ventilata;
  • applicazione con rullo;
  • applicazione con pennello;
  • applicazione per immersione o colata;
  • trattamento meccanico successivo (ad esempio taglio) di articoli non completamente stagionati che non sono più caldi;
  • pulitura e rifiuti;
  • qualsiasi altro uso con un’esposizione simile per via cutanea e/o per inalazione.

Infine la formazione AVANZATA è richiesta per i seguenti utilizzi:

  • manipolazione di articoli non completamente reagiti (ad esempio, appena reagiti, ancora caldi);
  • applicazioni per fonderie; – manutenzione e riparazioni per le quali è necessario accedere alle attrezzature;
  • manipolazione all’aperto di formulazioni calde o bollenti (> 45 °C);
  • applicazione a spruzzo all’aperto, con ventilazione limitata o esclusivamente naturale (anche in grandi capannoni industriali) e applicazione a spruzzo ad alta pressione (ad esempio schiume, elastomeri);
  • qualsiasi altro uso con un’esposizione simile per via cutanea e/o per inalazione.

Il datore di lavoro (o il lavoratore autonomo) deve documentare il completamento con esito positivo della formazione.

La formazione deve essere rinnovata almeno ogni cinque anni.

Le durate dei corsi:

  • Formazione BASE: durata 2 ore (con test finale e attestato);
  • Formazione INTERMEDIA: durata 3 ore (con test finale e attestato);
  • Formazione AVANZATA: durata 4 ore (con test finale e attestato).

Per prima cosa, è necessario richiedere ai propri fornitori le schede di sicurezza aggiornate al fine di verificare se le sostanze utilizzate superano tali concentrazioni, meglio sarebbe richiedere ai propri fornitori se i prodotti in uso rientrano tra quelli soggetti all’obbligo formativo ai sensi del Regolamento REACH e la nuova Restrizione n° 74 relativa all’utilizzo dei diisocianati.

Il possesso dell’attestato di formazione dei lavoratori, dipendenti e autonomi, è obbligatorio a partire dal 24 agosto 2023. In mancanza di tale certificato di partecipazione al corso, sono previste sanzioni a partire da €40.000 fino a €150.000 o l’arresto fino a 3 mesi.

Lo studio Aerreuno sta organizzando per il prossimo periodo la formazione per tutti i moduli (BASE, INTERMEDIO, AVANZATO).

Per qualsiasi altra informazione puoi contattarci al numero 045 7901403 o inviare una mail all’indirizzo sicurezza@aerreuno.com.

Condividi questo post:
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Scopri gli altri articoli